Partiamo dall’A,B,C: l’E-commerce è una pratica commerciale che mette in contatto commercianti e acquirenti tramite Internet. Le transazioni di beni e/o servizi vengono effettuate da un negozio online, da un’app mobile e da altri canali di vendita come social network, marketplace, piattaforme di affiliazione e siti di compravendita. Gestire un E-commerce è una delle esperienze più formative in assoluto per un impreditore perché consente di apprendere aspetti pratici (difficilmente desumibili da un master) sul campo, quindi gestendo un vero e proprio negozio online. Con la gestione dello stesso, si commettono i primi errori, ma dagli errori si impara, si apprende che un aspetto lo si poteva svolgere diversamente e di volta in volta ci si comporta diversamente.

  1. Progettare uno spazio sul mercato. Chi inizia a gestire un E-commerce propende per il modello del dropshipping. Ciò significa trovarsi a competere con centinaia di merchant che offrono al pubblico gli stessi prodotti col rischio di trovarsi a essere uno dei tanti e rimanere intrappolati nel ciclone della concorrenza dei grandi colossi. Per il settore che avete in mente, potrebbe essere già presente sul mercato un’azienda imbattibile, con tutti i prodotti che volete offrire voi. In più, questo vostro competitor potrebbe già avere centinaia di recensioni, migliaia di like sui social, un blog popolare e una grande copertura mediatica. Se sul mercato non c’è spazio per voi, rischiate di non reggere! Puntare sui contenuti informativi è la soluzione più semplice per ritagliarsi uno spazio sul mercato. Non occorrono investimenti esorbitanti. E, se optate per questa soluzione, il valore della vostra azienda non sarà più rappresentato solo dai prodotti e dai clienti, ma anche dai contenuti.
  2. Essere mirati nella scelta dei prodotti. Nel tentativo di incrementare le entrate di un negozio E-commerce, si aumentano i prodotti in vendita. Il possibile errore è essere dispersivi, creando un assortimento di prodotti disomogenei. Peggio ancora, si può finire per vendere articoli inadatti al proprio brand..In questi casi, le vendite provenienti dal traffico a pagamento possono non risentirne direttamente; ma diventa difficile rivolgersi a un target specifico o riuscire a incrementare la visibilità tra i risultati di ricerca organici. Questo è un errore legato più al branding che all’investimento in sé. Eppure, le scelte sulla costruzione del brand sono tanto importanti quanto quelle sugli investimenti. In fin dei conti, è la forza del brand a determinare il valore di un’impresa.
  3. Avere un piano valido di marketing. Se conoscete i vostri clienti e sapete trove trovarli, impostare un piano di marketing è piuttosto semplice. Dopodiché, alcuni canali risulteranno più efficaci di altri; alcune aziende avranno più risultati con la pubblicità pay per click (PPC), mentre altre avranno più successo con SEO o social media; anche le email sono un canale di vendita costante.
  4. Avere una strategia per i contenuti. Il concetto di content marketing è molto importante ed è correlato ai clienti e non intorno al prodotto. Se costruite la vostra strategia di content marketing attorno a un cliente ideale, piuttosto che a un prodotto, avrete molti più argomenti su cui scrivere e molti più modi per connettervi con il pubblico. Anche se il vostro fosse un settore tecnico e riusciste a scrivere 50-100 articoli solo sulle sfumature del vostro prodotto, si tratterebbe di dettagli fine a se stessi. Invece, per rendere produttivi i vostri sforzi, dovete creare una sintonia con i vostri clienti che si estenda oltre l’ambito dei prodotti.
  5. Organizzare un contest con piano preciso. Nel gestire un E-commerce, è normale cercare sempre nuovi metodi per commercializzare la propria attività. Uno di questi metodi è organizzare dei contest, magari con l’aiuto di un blogger, per ottenere link e condivisioni sui social, nuovi follower e iscrizioni alla newsletter. Se in cambio di un premio come un buono regalo riusciste a raddoppiare o triplicare i follower, il concorso potrebbe apparirvi un vero successo. Ma attenzione: potrebbe trattarsi di un successo solo temporaneo o apparente. Dopo l’attenzione momentanea suscitata dal contest e dopo gli sforzi profusi su Facebook e Twitter, il pubblico potrebbe scordarsi di voi. Il trucco con i social media è coinvolgere i vostri seguaci sin dall’inizio. Cercate contenuti da condividere ogni giorno. Pubblicate con regolarità dei contenuti vostri.
  6. Differenziare attività ordinarie NECESSARIE da quelle NON NECESSARIE. Avete caricato personalmente i prodotti e scritto le loro descrizioni. Infine, vi siete occupati del marketing. Insomma, ogni aspetto è opera vostra. Fare tutto da soli è fantastico, ma è anche molto dispendioso in termini di tempo. Per quanto riguarda le attività ordinarie necessarie, dovreste cercare di automatizzarle il più possibile. Questo ha un costo, che però generalmente vale la pena di sostenere. Ci riferiamo allo svolgimento di incarichi di  caricamento dell’inventario o l’inserimento dati, per una somma ragionevole. Invece, per quanto riguarda le attività ordinarie non necessarie, dovreste cercare di eliminarle tutte. Si tratta delle attività superflue, come soffermarvi troppo a lungo a perfezionare il logo del sito, trafficare con i pixel delle immagini, porvi dubbi inutili sul colore di un pulsante o su qualche altro aspetto marginale, che probabilmente notate solo voi.

Consigli per gestire un ecommerce con successo

Dopo aver letto questa lista, probabilmente vi chiederete: come so di essere sulla strada giusta? Non si può prevedere il futuro, ma per aiutarvi, ecco una lista di consigli per gestire un E-commerce:

  • Fate le dovute ricerche: c’è domanda nel vostro settore?
  • Imparate a conoscere i vostri clienti: per chi state risolvendo un problema?
  • Trovate uno spazio sul mercato: potete dare un valore aggiunto?
  • Create un piano di marketing ben preciso.
  • Evitate di perdere tempo in distrazioni.
  • Siate cauti e controllate attentamente qualsiasi azienda con cui lavorate, evitando di collaborare con chi vi fa grandi promesse.
  • Per il sito, scegliete un design bello e lineare, che non necessiti di aggiustamenti.

Creare un sito E-commerce e avviarlo seguiti step by step è sempre utile. Se avete necessità di vedere il vostro negozio online affidatevi sempre ad agenzie esperte. Potete inviarci una mail informativa all’indirizzo [email protected].